CLOSE
Back To Top

Tradizione russa

Tradizione russa

Russia seconda metà XX sec. R = 8,5 cm P = 4,7 cm Legno

Costumi tradizionali.

Reperti russi dal XII al XV sec

In senso orario: Re XII sec, avorio, Alfiere XII-XIII sec. Avorio, Pedone XIV-XV sec. Avorio, Regina XV sec. Avorio.

Sulla letteratura scacchistica russa leggi il saggio di Michael Clapham
e l’articolo Perché in Russia c’era una passione così ossessiva per gli scacchi?

Sugli scacchi russi vedi Linder, Isaac The Art of Chess Pieces. 1994, H.G.S. Publishers, Mosca. Nella foto: Aprile 1908 Bogdanov e Lenin ospiti a Capri di Gorkij

Il 20 luglio 1924 si svolse una straordinaria partita vivente sulla Piazza del Palazzo (allora Piazza Uritskij) a San Pietroburgo (all’epoca Leningrado). In quel giorno fu ufficialmente fondata la Federazione Mondiale degli Scacchi FIDE. Sulla scacchiera gigante si posizionarono i famosi giocatori Ilja Rabinovich (rappresentante dei neri) e Pjotr Romanovskij (pezzi bianchi); ogni pedina era rappresentata da persone reali: i soldati dell’Armata Rossa erano i pezzi bianchi e la Flotta Rossa i pezzi neri. I comandi dei due maestri di scacchi venivano trasmessi via telefono agli assistenti che, a loro volta, li annunciavano alle pedine viventi tramite un megafono. L’epica performance attirò circa 8.000 spettatori, che seguirono la partita dai bordi della piazza. La partita durò 5 ore e si concluse con un pareggio alla 67° mossa dei bianchi. Vedi il video

Per una minirassegna di alcune partite con scacchi umani leggi questo documento.

Info_