CLOSE
Back To Top

Cambogia, Ouk Chatrang

Cambogia, Ouk Chatrang

Cambogia XX sec. R = 8 cm P = 1 cm K = 8 cm Legno, Tek, raramente avorio e osso.

Gli scacchi cambogiani (Ouk Chatrang) o thailandesi (Makruk) sono gioco da tavolo derivato dal gioco indiano chaturanga (l’antenato degli scacchi) del VI secolo o da una sua variante, e perciò legato agli scacchi. La disposizione dei pezzi e le regole del gioco sono diverse dagli scacchi. La forma si distingue per il semplice disegno stilizzato, con l’eccezione della testa del Cavallo.

Makruk è il nome del gioco degli scacchi thailandese. Le sue regole sono più simili ai famosi scacchi rispetto ad altre varianti asiatiche come Xiangqi o Shogi, ma ci sono anche alcune somiglianze con questi due giochi.
Come negli scacchi, il gioco si gioca su una scacchiera 8×8 con 16 pezzi per giocatore.

  • un leader (chiamato Kun ขุน) (corrisponde in movimento e funzione al re negli scacchi)
  • un visir (chiamato Med เม็ด) (sposta un quadrato in diagonale)
  • due alberi (chiamati Con โคน) (sposta un quadrato in diagonale o in avanti)
  • due cavalli (chiamati Ma ม้า) (corrisponde al saltatore nelle mosse, quindi può anche saltare)
  • due barche (chiamate Rua เรือ) (corrisponde alla torre nei treni)
  • otto pedoni (chiamati Bia เบี้ย ๖) (corrisponde in mosse al pedone negli scacchi, ma non ha doppia mossa. Sulla terza fila posteriore dell’avversario (fila iniziale dei pedoni avversari) vengono promossi a visir)
  • Invece dell’arrocco inesistente, il re può saltare come un cavallo una volta nel gioco. Alcune varianti consentono al visir di fare una doppia mossa come prima mossa. (Fonte Schachmuseum di Kriens)Per i pedoni si usa utilizzare conchiglie, mettendole con l’apertura verso il basso. Se promossi  il giocatore si limita a girare la conchiglia in modo che l’apertura sia in alto. Al posto delle conchiglie si utilizzano anche segnalini di vetro come nel gioco cinese wei-k’i.

Info_