CLOSE
Back To Top

Antico Egitto

Antico Egitto

Egitto XX sec. Metallo

L'Egitto dei Faraoni.

Scacchiera fatimida XII sec in argento 35,2 per 27,5 per 3,7 cm. peso: 2,58 kg

Il verso sulla scacchiera è da un qasida (il poema), di 'Umara al-Yamani' che è stato scritto per il vazir del penultimo califfo fatimide al Fa'iz ibn Al-Zafir (549-55 AH/1154-60 d.C.), al -Shalih ibn Ruzik (trascritto anche come Ruzzaik, Ruzaik, Ruzayk, noto per la sua moschea 'Salih Tala'i al Cairo). La poesia sulla scacchiera si traduce come segue: “Oh che le stelle si avvicinino a me che ne formi una collana in lode a te; perché le parole sono inadeguate. ” La scacchiera è stata aggiudicata il 24 maggio 2022 all'Oriental Art Auctions di Hattemerbroek per 85 mila euro

Il verso sulla scacchiera è da un qasida (il poema), di ‘Umara al-Yamani’ che è stato scritto per il vazir del penultimo califfo fatimide al Fa’iz ibn Al-Zafir (549-55 AH/1154-60 d.C.), al -Shalih ibn Ruzik (trascritto anche come Ruzzaik, Ruzaik, Ruzayk, noto per la sua moschea ‘Salih Tala’i al Cairo). 35,2 per 27,5 per 3,7 cm. peso: 2,58 kg La poesia sulla scacchiera si traduce come segue: “Oh che le stelle si avvicinino a me che ne formi una collana in lode a te; perché le parole sono inadeguate. ”
? ?????? ???? ??? ???? ???????? ??????
al Fa’iz ibn Al-Zafir (549-55 AH / 1154-60 d.C.) Dopo l’assassinio di suo padre az-Zafir da parte del visir Abbas ibn Abi al-Futuh, al-Fa’iz fu elevato al trono come bambino di cinque anni. Abbas fu presto costretto a fuggire e fu ucciso per l’intervento di Tala’i ibn Ruzzik, che divenne visir e reggente. Al-Fa’iz non ha mai esercitato il potere in proprio con il visir Tala’ ibn Ruzzik esercitando un vero potere, morì all’età di 11 anni dopo aver subito un attacc epilettico. Gli successe suo cugino al-Adid figlio di Yousuf, anche lui minorenne nominato dal visir Tala’i ibn Ruzzik. La dinastia fatimide terminò nel 567 AH/1171 d.C. quando la dinastia ayyubide salì al potere. Per questo motivo è altamente improbabile che questa scacchiera sia stata realizzata dopo il 566 AH/1170 d.C. Un rapporto di analisi e metallografia di Oxford Materials OMCS & Begbrokenano (#R4426) è coerente con la datazione. Amara bin Abi Al Hassan bin Ali bin Zaidan è nato nella città di Murtan, situata nel Sahel Tuhama, poi si è trasferito a Zabid, dove si è iscritto a una delle sue scuole. Lasciò Amara all’Hijaz per compiere il pellegrinaggio dell’Hajj, e lì si incontrò con lo sceriffo della Mecca al-Qasim bin Hashem bin Felaita, che lo mandò dai Fatimidi in Egitto per compiere uno scopo. Amara arrivò in Egitto a Rabi` al-Awwal 550 AH, quando il califfato era per il vincitore Ibn al-Dhafir, così entrò nel califfo e lo lodò con una poesia che ricevette. A Shawwal dello stesso anno, Amara tornò alla Mecca e passò da Al-Qasim Bin Hashem prima di tornare a Zabid su Safar 551 AH. Quando lasciò Amara nel secondo anno del pellegrinaggio, lo Sharif gli commissionò un’altra missione presso il califfo fatimide, ma non prolungò la sua permanenza in Egitto e tornò rapidamente a Zabid. Si recò quindi in Egitto dopo il suo ritorno, e questa volta rimase in compagnia del califfo fatimide e il suo rapporto con lui si rafforzò. Amara era un abile poeta, storico, storico e storico per lo Yemen e Zabid, che scrisse un libro sul News of the Ministers of Egypt, e inoltre era un giurista shafi’i la cui disperata difesa della setta sunnita non gli impedì di appoggiare i Fatimidi. Quando lo stato fatimide cadde nelle mani di Salah al-Din, apparentemente gli mostrò l’architettura della lealtà, lodandolo nella sua poesia, ma collaborò con altri otto soci del califfo fatimide per corrispondere con i crociati e cercare di mantenere un’alleanza con loro per espellere le forze di Salah al-Din. Tutti loro, l’edificio Al-Yamani è stato giustiziato nel mese di Ramadan 569 AH. La cosa più importante che fecero i Fatimidi fu concentrarsi sull’arte e produrre uno stile artistico islamico egiziano distinto. Questo periodo fu segnato dalla prosperità ai massimi livelli, che si manifestò nella creazione di lussuosi pezzi decorativi, tra cui il cristallo di rocca intagliato, argilla e terracotta, legno e avorio intagliato, gioielli in oro e altri minerali, tessuti, libri e monete. Questi pezzi non erano solo un riflesso della ricchezza personale, ma erano anche usati come doni per re e sultani all’estero. Le cose più preziose furono raccolte ed erette nei palazzi del califfato al Cairo. Nel decennio 1060 d.C., sulla scia di diversi anni di siccità in cui gli eserciti non venivano pagati, i palazzi subirono furti sistematici, le biblioteche furono gravemente danneggiate, le monete d’oro si sciolsero e rimasero alcuni tesori sparsi nel mondo cristiano medievale. Successivamente, l’opera d’arte Fatimide ha continuato nello stesso stile, ma è stata adattata per realizzare pezzi sempre meno preziosi. Questi pezzi non erano solo un riflesso della ricchezza personale, ma erano anche usati come doni per re e sultani all’estero. Le cose più preziose furono raccolte ed erette nei palazzi del califfato al Cairo. Nel decennio 1060 d.C., sulla scia di diversi anni di siccità in cui gli eserciti non venivano pagati, i palazzi subirono furti sistematici, le biblioteche furono gravemente danneggiate, le monete d’oro si sciolsero e rimasero alcuni tesori sparsi nel mondo cristiano medievale. Successivamente, l’opera d’arte Fatimide ha continuato nello stesso stile, ma è stata adattata per realizzare pezzi sempre meno preziosi. Questi pezzi non erano solo un riflesso della ricchezza personale, ma erano anche usati come doni per re e sultani all’estero. Le cose più preziose furono raccolte ed erette nei palazzi del califfato al Cairo. Nel decennio 1060 d.C., sulla scia di diversi anni di siccità in cui gli eserciti non venivano pagati, i palazzi subirono furti sistematici, le biblioteche furono gravemente danneggiate, le monete d’oro si sciolsero e rimasero alcuni tesori sparsi nel mondo cristiano medievale. Successivamente, l’opera d’arte Fatimide ha continuato nello stesso stile, ma è stata adattata per realizzare pezzi sempre meno preziosi. sulla scia di diversi anni di siccità in cui gli eserciti non venivano pagati, i palazzi subirono furti sistematici, le biblioteche furono gravemente danneggiate, le monete d’oro si sciolsero e rimasero alcuni tesori sparsi nel mondo cristiano medievale. Successivamente, l’opera d’arte Fatimide ha continuato nello stesso stile, ma è stata adattata per realizzare pezzi sempre meno preziosi. sulla scia di diversi anni di siccità in cui gli eserciti non venivano pagati, i palazzi subirono furti sistematici, le biblioteche furono gravemente danneggiate, le monete d’oro si sciolsero e rimasero alcuni tesori sparsi nel mondo cristiano medievale. Successivamente, l’opera d’arte Fatimide ha continuato nello stesso stile, ma è stata adattata per realizzare pezzi sempre meno preziosi. (traduzione automatica)

Cristallo di rocca di forma cilindrica a cupola, scolpito con profondi disegni foliati smussati e dettagli a trattini incisi. 7 per 5 cm. I Fatimidi padroneggiarono l’intaglio del cristallo di rocca nel X secolo, grazie all’abbondante ricchezza dei loro Califfi che fornirono i mezzi per commissionare opere così raffinate. Un impressionante, sebbene limitato, corpus di opere rimanenti che includono brocche, fiasche e pezzi degli scacchi mostra l’abilità esemplare degli artigiani fatimidi. Questo re o regina dimostra sia la loro ricchezza che la posizione di superiorità che hanno concesso al gioco degli scacchi in questo momento.  Il gioco degli scacchi si diffuse dal subcontinente indiano attraverso la Persia a centri come Baghdad e Il Cairo, da dove molto probabilmente ha origine l’attuale pezzo degli scacchi. Può essere attribuito ai califfati abbaside o fatimide in quanto condivide una serie di caratteristiche stilistiche e tecniche con esempi di pezzi da gioco simili ora in varie collezioni museali.

Leggi anche

I giochi egizi

Info_